Cucina
BELLA CIAO AKA I RACCONTI DELL'HANGOVER

Easy like potato morning

Succedeva ieri sera: dai Gigì, fatti un calice solo, giusto per brindare. Un calice solo, certo! Noi soul sister, è bene che lo sappiate, siamo incapaci di dire di no. Risultato: stamattina mi sono svegliata color verde esorcista. Bella ciao proprio. Urge una cura che mi faccia fare pace con me stessa e con il resto del mondo. La mia insalata di patate, voluttuosa e ricca al punto giusto, mi sembra la scelta più azzeccata. Addio hangover, benvenuta potato salad: ti voglio bene forte.

ingredienti

2 chili e mezzo di patate

12 uova

6 grossi cetrioli in agrodolce

400 gr maionese

6 cucchiai di yogurt bianco

4 cucchiai di senape dolce

sale e zucchero

bacon (facoltativo)

Metto a bollire le patate sbucciate e tagliate a pezzettoni e faccio rassodare le uova. Quindi preparo la salsa mischiando maionese, yogurt, senape e i cetrioli tritati grossolanamente. Aggiusto di sale e correggo con una punta di zucchero. Quando patate e uova sono pronte, le aggiungo ancora calde al condimento spezzettandole con una forchetta. La consistenza deve essere quella di un purè sodo con pezzi integri qua e là. Fatto, questa è la ricetta che mi ha insegnato la mia amica Regina, cintura nera di soul food, la preparo immutata dall’estate del 1987 e da allora, puntuale, mi salva la vita in giornate come queste. Le dosi sono da esercito, non so cucinarla altrimenti. Meglio farsene una ragione.

Nota bene: le due fettine di bacon abbrustolite come contorno sortiscono su di me un effetto pari a quello dell’acido acetilsalicilico. Se nemmeno il bacon saprà esservi di aiuto, sarà bene che vi affidiate al rimedio più antico che c’è: un bel cero ai Santi Tutti, Hello kitty compresa.

Ps: L’uovo fucsia è un’idea make-up assai graziosa. Una volta sodo e sgusciato, basta farlo marinare in succo di barbabietola condito con poco aceto, sale e zucchero.

Commenti